Post con il tag: "(business)"



Il successo di Lil Nas X ha messo in luce il potenziale di BeatStars di diventare una hit factory online e dimostra come un singolo di successo possa essere realizzato e permetta di vivere di produzione musicale nel 2019

Abbiamo incrociato molti dati e ne emerso un interessante prospetto sul mercato musicale internazionale. Lo streaming ora rappresenta il 75% delle entrate dell'intera industria e il trend è in attivo

Lunedì scorso si è svolto l'evento che ha coinvolto tutti gli operatori del settore della musica elettronica. È stata un'edizione di successo e con ottimi propositi per il nuovo anno.

È una tendenza che sembra essere universalmente accettata in tutto il business della musica globale: i download stanno morendo, scrivono quelli di Music Business Worldwide. Il fatto si evince nelle cifre semestrali della RIAA per gli Stati Uniti il ​​mese scorso, che hanno dimostrato che i ricavi complessivi per il download digitale (comprese le suonerie, ecc.) nei sei mesi erano diminuiti del 26,5% rispetto allo stesso periodo del 2017.

Si possono fare tanti soldi attraverso la musica, soprattutto se si è organizzati. Come hanno da poco riportato i quotidiani nazionali, balzano a 1,5 milioni nel 2017 gli utili di Zedef, la società di Fedez (Zedef non è solo un progetto discografico uscito tempo fa su Armada Music, ndr). Si impennano gli utili di Zedef, la società di Fedez che nel 2017 ha conseguito un risultato netto di 1,5 milioni nonostante il leggero calo dei ricavi, passati da 3,18 a 2,68 milioni in un anno.

Guadagnare soldi come artista non è più facile come un ventennio fa. A causa dell'aumento dello streaming e del download illegale, le vendite di album, ep e singoli è in calo. Poiché molta musica viene ascoltata tramite canali come Spotify, YouTube, SoundCloud e Apple Music, molti artisti hanno decidono di rendere la propria musica disponibile tramite uno di questi canali.

Spotify è alla ricerca di artisti indipendenti e offre notevoli vantaggi, non ultimo il pieno controllo e la proprietà del loro proprio lavoro. Spotify paga solitamente un'etichetta discografica circa il 52 percento delle entrate generate ogni volta che un utente "streamma" una canzone. Di ciò che è rimasto, Spotify dà il 15% per l'artista e incassa il resto, almeno questo secondo un rapporto del New York Times.

Audius, un protocollo di streaming e hosting basato sul sistema Blockchain, ha firmato con sei nuovi consulenti di vari settori del business della musica dopo un recente finanziamento di 5,5 milioni di dollari. Questi nuovi consiglieri includono il CEO di Beatport, Robb McDaniels; Il co-fondatore di Twitch, Justin Kan; l'ex manager Avicii, Ash Pournouri; il vice presidente di Robinhood Josh Elman; Michael Faibisch, di Ultra Music Festival; e il genio di Pandora Shamal Ranasinghe.

Ditto Music, società di servizi di distribuzione e di etichette, sta assumendo personale: si cerca un incarico di responsabile delle vendite internazionali che possa unirsi al team di Londra. La compagnia lavora con oltre 150.000 artisti e nel 2018 ha pubblicato i primi 40 album e singoli per svariati artisti indipendenti. Uno dei due modelli di business che Ditto offre agli artisti in fase iniziale è il 100% delle royalties.

La fondatrice della ATM Artists, Amy Thomson, ha annunciato sui social media che non gestirà più gli Swedish House Mafia, spiegando che la separazione è stata del tutto amichevole da entrambe le parti. La Thomson ha gestito il gruppo dance per quasi 15 anni. Il trio, composto da Axwell, Steve Angello e Sebastian Ingrosso, caso vuole è tornato a suonare dal vivo a marzo di quest'anno dopo una pausa di cinque anni.

Mostra altro