Spinnin' Records sta cercando di entrare nel mercato musicale brasiliano

Il giornalista di Billboard USA, Alexei Barrionuevo, ha incontrato il boss di Spinnin' Records, Roger De Graaf, e il responsabile del coordinamento degli A&R del brand olandese, Jorn Heringa, per capire cosa sta succedendo sotto il profilo discografico in Brasile. Tre anni fa, Heringa, ha scoperto il brasiliano Alok su SoundCloud. Heringa non sapeva nulla del settore musicale brasiliano, ma pensava che il singolo di Alok e Sevenn, con il suo ritmo profondo e techno, potesse essere solo l'inizio di un nuovo sottogenere: la brazilian bass. Dopo aver messo sotto contratto Alok Petrillo nel 2016, la Spinnin' lo ha aiutato sino a trasformarlo in una stella internazionale dell'EDM in Brasile.
Per Spinnin', che quest'anno celebra il suo 20esimo anniversario, Alok è l'ultimo esempio della storia della scoperta di nuove tendenze. L'etichetta olandese, tramite le parole del suo co-fondatore, Roger de Graaf, puntualizza a Barrionuevo: "Anche quando abbiamo un grande successo, il primo impulso è quello di cercare immediatamente il prossimo nuovo bambino posizionato sui blocchi di partenza". De Graaf, 47 anni, ha avviato la Spinnin’ Records nel 1999 con l'editore musicale Eelko van Kooten.
Si sono concentrati per la prima volta sulla trance e la house, nel quartier generale di Hilversum. Oggi la casa discografica distribuisce anche diverse sottoetichette: la Musical Freedom di Tiësto, la Heldeep di Oliver Heldens e la Dharma di KSHMR. Non solo: Spinnin', acquisita nel 2017 da Warner Music, ha lanciato le carriere di Heldens, Afrojack, Bingo Players, Don Diablo, Fedde Le Grand e e di un allora appena 16 anni Martin Garrix.
Da quando ha firmato con Alok, Spinnin' si è concentrata maggiormente sul Brasile, lavorando con Dubdogz e aggiungendo Vintage Culture al suo roster. Ora Heringa ha portato in squadra anche Mariana Bo, una dj e cantante messicana nota per combinare il suono del suo violino e la sua ugola con la musica dance elettronica. E dopo aver aggiunto alla sua compagine il suo primo dj cinese, Carta, nel 2016, Spinnin' ha firmato con il dj giapponese Pharien.

De Graaf aggiunge sempre a Billboard USA: "Stiamo spingendo ulteriormente in America Latina e in Asia mentre stiamo gettando le basi in Brasile. A giugno, Alok ha lanciato la sua label indipendente, la Controversia, dedicata allo sviluppo di tracce da club per artisti brasiliani. Siamo oggi in grado di portare i nostri dischi a un pubblico più vasto che mai".

Scrivi commento

Commenti: 0