Gli home concert e Shari DeLorian sul Corriere della Sera

In bella mostra di sé, sotto il titolo in apertura della pagina milanese del Corriere della Sera, c'è una fotografia che ritrae i "musicisti da salotto social club" e si intravede Shari DeLorian (Corner, docente r12) e Giulia Currà (Casa Cicca).

L'articolo di Edoardo Rizzi parla chiaro: la sharing economy avanza. Nell’era di Airbnb, a Milano, i primi portali e app per organizzare home concert sono comparsi circa quattro anni fa. Si tratta di una moda anglosassone: Guestar.com, House-concerts. it, Sottovoce.it.



"Il meccanismo è semplice e sempre simile, spiega Rizzi dalla pagina del Corriere Milano. "Il padrone di casa si iscrive a una delle piattaforme e mette a disposizione la sua abitazione.
Il portale fa da tramite con i musicisti (pagati) e il pubblico (pagante), organizza concerti aperti in spazi privati a fronte di una commissione: facile e pulito". 

Da Casa Cicca, bilocale sui Navigli, Giulia Currà ha trasformato la sua in una casa-museo, ospita artisti emergenti come lei: 31 anni, creativa e performer — in cambio riceve opere e manufatti, un arredamento unico.
Le serate musicali sono venute da sé: "Ho iniziato a invitare musicisti che conoscevo o che mi piacevano, vicini ai miei gusti". Tra questi, Shari DeLorian.

Scrivi commento

Commenti: 0