Insomnia 2018, l’elettronica sbarca nel circolo polare artico

In Norvegia, la 17esima edizione dell’Insomnia Festival ha scaldato gli animi dando speranze di progressi culturali alla piccola città di Tromsø. Gli oltre 75mila abitanti sull'isola di Tromsøya, nel Circolo Polare Artico, accolgono gli amanti della musica elettronica più colta in questa parte di mondo che è di una bellezza straordinaria. Insomnia è un festival di tre giorni che fonde musica elettronica sperimentale in un programma multidisciplinare di seminari, visite guidate, proiezioni di film e workshop. Fa parte del progetto We Are Europe, un'associazione di otto eventi europei che ha unito le forze per evidenziare la diversità creativa all'interno della cultura del suono elettronico.
Durante il festival, il filosofo croato Srećko Horvat ha tenuto il suo discorso di apertura alla Tromsø bibliotek og byarkiv (https://www.facebook.com/tromsobibliotek) curato in collaborazione con TodaysArt. Partendo da una decostruzione dell'attuale narrativa apocalittica sugli orizzonti discografici ed economici, la lezione ha offerto un focus filosofico qu quello che potrebbe essere il nostro possibile futuro. Basta cliccare qui per ascoltare le parole di Horvat. https://www.mixcloud.com/weareeurope/sre%C4%87ko-horvat-what-if-the-apocalypse-has-already-happened-insomnia-2018/
L’appuntamento è quindi per il prossimo anno, con Insomnia Festival, pronto a rinnovare la sua line-up e ad aprire a nuovi interessanti scenari sul music business.
 

Scrivi commento

Commenti: 0